IL TEMPO NON CURA TUTTE LE FERITE: I TRAUMI SINGOLI E CUMULATIVI

Un carico di eventi traumatici nella vita aumenta ulteriormente il rischio di sviluppare un Disturbo da Stress Post Traumatico (di tipo complesso).
In riferimento ai traumi, il detto: “il tempo cura tutte le ferite” è falso, per questi motivi:

1)      Le ferite non sono tutte uguali. Le ferite di eventi abnormi, che producono effetti traumatici, è bene curarle subito per non rimanere intrappolati nella sofferenza del passato, mentre la propria vita continua a scorrere;
2)      L’età della persona influisce, in modo variabile, sugli effetti di un evento traumatico;
3)      Le risorse necessarie disponibili (interne ed esterne), per gestire e per superare un evento  traumatico, non sono sempre efficaci o possono risultare assenti;
4)      I traumi cumulativi e ripetuti (sia nei bambini che negli adulti) richiedono sempre un intervento terapeutico mirato e attuabile appena possibile.
(dipinto ippocampo di Greg Dunn)
I Traumi cumulativi (e talvolta anche quelli singoli) alterano il funzionamento di alcune aree cerebrali, in particolare dell’ippocampo e dell’amigdala. L’alterazione di queste aree  determina il formarsi di memorie persistenti, invasive e frammentate.

 
I sintomi più frequenti: iperarousal (iperattivazione generalizzata), dissociazione, flashback, evitamento persistente (di luoghi, cose, o situazioni che possono far rivivere il trauma), disturbi del sonno.
Le funzioni del sistema nervoso autonomo risultano alterate: l'organismo risponde in modo estremo agli stimoli che rievocano il trauma (aumento del ritmo cardiaco, aumento o diminuzione della pressione sanguigna, ansia intensa o attacchi di panico, disturbi gastroenterici e neurovegetativi - come nausea, dolori addominali, cefalee, svenimento).
Le alterazioni neurormonali, altresì, incidono sulle modalità in cui le esperienze traumatiche vengono depositate (consolidate) nella memoria a lungo termine. 
In tutti gli studi clinici condotti su persone che hanno subito Traumi Complessi sono presenti stati depressivi protratti.
La cura deve essere specialistica e mirata. Esistono dei protocolli psicoterapeutici di provata efficacia, riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale. Uscire dal trauma è possibile.

Per approfondimenti paolafoggetti.it








Commenti

Post popolari in questo blog

I Sogni durante il lockdown

Interazioni Cuore/Cervello: le nuove frontiere in neuro-psico-fisiologia